Non scaccolatevi sui #social!

Sei in coda in auto, guardi nello specchietto retrovisore o ti volti verso l’automobilista accanto ed eccolo lì, intento a cercare un tesoro nella propria cavità nasale con la tranquillità di chi è convinto che “il mondo la fuori” non lo veda, perché lui è al sicuro nella sua fantastica auto magica che lo rende invisibile. Ovviamente, il provetto minatore, appena si rende conto di non essere invisibile, interrompe immediatamente gli scavi mostrando anche un certo imbarazzo. Ecco, questo è ciò che succede anche sui #social. Ma c’è una differenza sostanziale. Le tracce in auto non si vedono, sui #social…

Native Advertising, Augh!

Native Advertising è cool, suona bene, ma cos’è? Cosa significa? Perché Native? Tutti in questo periodo stanno parlando (e scrivendo di Native) eppure all’ultimo IAB Seminar la noia ha pervaso tutte le file, persino Montemagno ha fatto fatica a tenere sveglie le prime file (a parte quei rari momenti con interventi fortunatamente stonati rispetto al coro). Perché? Perché è stata semplicemente una gara nel cercare di spiegare “come ti ficco il contenuto a tradimento“. Ma perché? Penso che infondo, il tutto si possa tradurre con un semplice concetto, invece di complesse articolazioni verbali. “la pubblicità rompe le palle”…

#boycottstupidity

Non ascolterò più un pezzo di Elton John. Perlomeno non consapevolmente. (Promessa che poi manterrò difficilmente…) Tutto nasce da una dichiarazione di Domenico Dolce durante un’intervista: “Non mi convincono i figli della chimica, i bambini sintetici, uteri in affitto, semi scelti da un catalogo”. Non vado avanti con le spiegazioni perché i reach di #boycottdolcegabbana sono talmente alti da farmi pensare che ormai, a distanza di 2 giorni, tutti sappiano di cosa parlo. Non ne voglio fare un discorso né morale, né di posizioni, credo sia giusto che ognuno abbia le sue. Penso che le mie parole, abbiano sicuramente…

Direzione sbagliata sui social? Fate inversione a U, la multa è il minore dei mali.

Ormai quasi ogni brand (piccolo o grande che sia) si è affacciato sui social. Ma in quanti lo stanno facendo bene? Come si fa? In troppi usano i social come un canale tradizionale, per non perdere la corsa sono saltati sul carrozzone senza sapere bene dove andare e, purtroppo, stanno andando nella direzione sbagliata. I social non sono e non funzionano come i canali tradizionali! Possono essere molto efficaci per attrarre e mantenere i clienti o possibili tali, ma se utilizzati nel modo sbagliato, si rischia perdere soldi, clienti e a volte anche la faccia….